Le recensioni della Rossa: LIBRO ZERO di Antonio Sparatore

lug 27, 2011 No Comments by

Il vecchio boss che sta sotto terra e manda pizzini è solo un paravento… Puro folclore… I nuovi pirati, invece, usano le smagliature delle regole, hanno le conoscenze necessarie per aggirarle”

In questa giornata piovosa di mezza estate ho finalmente trovato un attimo di tempo per recensire un libro interessante, propostomi dallo stesso Autore, per il tramite della Community del sito www.ilmiolibro.it.

Si tratta di Libro zero di Antonio Sparatore, che offre della sua Sicilia e della mafia un punto di vista molto moderno.

Il protagonista è Pietro Lo Re, un giovane ingegnere, da poco a capo dell’ufficio tecnico di un Comune del Catanese, vittima ben presto sia del troppo lavoro che di numerosi attentati alla sua vita. L’ombra della mafia sempre stagliarsi nitida dietro alcuni progetti al vaglio proprio dell’ufficio di Lo Re e questi si trova costretto a chiedere ben presto protezione alla Polizia.

In questo suo dibattersi tra mille dubbi ed una sola certezza – fare il proprio dovere con coscienza senza lasciarsi intimidire – incontra per caso una ragazza proprietaria di un negozio di calzature. L’amicizia di Silvia lo aiuterà a superare momenti davvero bui e rappresenterà per Pietro una presenza affettuosa e costante nel corso delle sue traversie. Anche Anna, la sua fidanzata che vive a Catania, è sostenitrice della loro bella amicizia, senza mai lasciar trapelare il benché minimo moto di gelosia nei confonti della ragazza.

Chi può serbare rancore (o meglio odio) verso Pietro, uomo integerrimo e senza macchia?

Il Sovrintendente di Polizia non ha alcun dubbio: il suo parere negativo sul progetto per un centro commerciale in un’area  giudicata pericolosa è alla base degli attentati, tanto più che a distanza di pochi giorni sono rinvenuti cadaveri sia un Assessore che il Sindaco stesso del paese.

Ma la verità sarà di tutt’altra pasta…

Libro zero è un buon giallo, agile e ben scritto, con il pregio di superare gli stereotipi sicilian-mafiosi e di dar vita a personaggi autentici ed attuali.

La prosa è fluida, sorretta anche da dialoghi dal buon ritmo.

E come in ogni giallo che si rispetti, l’Autore è abile nel mantenere viva la suspance fino alla fine.

Parola della Rossachescrivegialli!

LIBRO ZERO – Antonio Sparatore – € 18 – www.lafeltrinelli.it

Recensioni

About the author

Monica Bartolini è autrice di romanzi e racconti gialli, declinati in tutte le gradazioni di noir. Esordisce nel 2008 con il romanzo Interno 8, primo episodio dedicato al Maresciallo Nunzio Piscopo, che torna protagonista nel romanzo finalista al Premio Tedeschi nel 2011 Le geometrie dell'animo omicida. Con il racconto Cumino assassino ha vinto il Gran Giallo Città di Cattolica, nell'ambito della XXXVII edizione del MystFest, dopo aver collezionato numerosi piazzamenti a concorsi di narrativa gialla, tra cui spiccano "Giallocarta" e "Carabinieri in Giallo 3" con Tanti auguri, maresciallo!, "Gran Giallo a Castelbrando" (seconda classificata con Al comma 4 dell'art. 612-bis), "Crime Story Slam" (finalista con Le abissali frustrazioni di un serial killer) e Premio speciale della Giuria di "Delitto d'autore" con il racconto Secondo grado. Nel giugno 2010 ha anche pubblicato con Colosseo Editore un libro di narrativa dal titolo Ti ricordi, amore mio?, quindici racconti sul tema del ricordo, concepiti come preziose didascalie a foto scattate dalla stessa autrice. Attualmente è in libreria la sua ultima fatica, un libro di racconti gialli storici dal titolo Persistenti tracce di antichi dolori, edito da I Buoni Cugini Editori. Collabora alla diffusione del "morbo giallo" con recensioni per i siti Thriller Café e WLibri e con l'adesione al progetto Piccoli Maestri, andando a leggere i suoi libri preferiti nelle scuole italiane.
No Responses to “Le recensioni della Rossa: LIBRO ZERO di Antonio Sparatore”

Leave a Reply