#più Libri più Storie: le investigazioni del Commissario Habib a Cerveteri

nov 20, 2015 No Comments by

Fiera-editoria-Roma-800x600Cari amici della Rossa e della buona letteratura gialla,

lunedì scorso ho avuto il piacere di recarmi a Cerveteri per una lettura molto speciale, inscritta nell’ambito di un’iniziativa dell’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio che anche quest’anno sostiene la Fiera Più Libri Più Liberi con un programma di eventi anche nei giorni precedenti l’inizio della manifestazione.

indexAbituati a ritmi incalzanti dei polizieschi americani, i ragazzi che hanno partecipato all’incontro hanno dovuto adattarsi al “ritmo maliano” dell’investigazione del Commisario Habib e dell’Ispettore Sosso, narrata ne L’impronta della volpe dallo scrittore Moussa Konaté. Quattro ragazzi morti, due uccisi durante un combattimento e altri due avvelenati, un caso davvero singolare, ambientato ai giorni nostri in Mali, presso la falesia di Bandiagara, in un villaggio abitato dai Dogon, un popolo che vive ancora radicato nelle sue millenarie tradizioni animistiche.

Ho letto loro di Amicizia (“Per i Dogon l’amicizia è sacra. Lega due uomini dalla prima infanzia fino alla loro morte. L’amico è il confidente assoluto, è più di un fratello.“), di Onore (“...ne va dell’onore di tutti e due, dell’onore delle nostre famiglie. Andremo sulla falesia, domani, dopo la fiera.“), di Tradizioni (“Ho scritto le tue domande su questa tavoletta. Le volpi ieri sera hanno risposto. Tutto quello che sto per dirti, mi viene da loro, sono loro i veri indovini, poiché Amma parla attraverso le loro impronte.“),  di Religione (“Càpita che una moschea o una chiesa in cemento stoni in questo universo così uniforme, ma si percepisce che attendono un dio che non viene da qui, perché il dio dei Dogon non ha bisogno né di moschee né di chiese. E’ Amma, e vive in ogni cosa, in ogni scultura, nell’anima di ogni Dogon.”), della condizione femminile (“Tua madre, malgrado tutto, sarà sempre solo una donna. [...] Arriverà il momento in cui sarai obbligato a prenere per mano tua madre, come una bambina, perché la donna è l’unica creatura che mette al mondo suo padre.”), di Politica (“In effetti, questo comune è in mano al partito al potere, il nostro partito, il partito della Rédemption Africaine. Abbiamo dovuto combattere parecchio. Quello che succede a Pigui può degenerare e ripercuotersi su tutti i comuni della zona dogon.“).

Le investigazioni del “filosofo” Habib riverberano tutta la profondità d’animo di Moussa Konaté, l’ampia portata delle sue riflessioni sull’impatto della “civiltà” su popoli ancora tanto “arcaici” e il suo impegno civile. Grande animatore della cultura maliana, lo scrittore, infatti, era tra i promotori del Festival Etonnants Voyageurs, una fiera libraria che si tiene a Bamako, la capitale del Mali, la città che proprio in questo ore sta subendo un gravissimo attacco terroristico.

Sono sicura che ai ragazzi di Cerveteri non sfuggirà il collegamento e spero ne approfitteranno per finire di leggere il libro che, con grande disponibilità e generosità, l’editore Pietro Del Vecchio ha messo loro a disposizione.

Come Piccola Maestra sono davvero felice di essere riuscita a promuovere un’efficace sinergia tra la Fiera, la Regione Lazio, la Biblioteca civica, l’Editore ed i ragazzi!

Qui di seguito troverete il calendario di tutti gli incontri dei PM in programma.

Buona lettura (sempre!) a tutti dalla Rossa e…vi aspetto in Fiera!

WP_20151116_006

La responsabile della Biblioteca civica sig.ra Amadei illustra ai ragazzi l’iniziativa #piùlibripiùstorie

 

 

****************************************************************

Lunedì 16 novembre, ore 10.30
Monica Bartolini legge L’impronta della volpe di Moussa Konaté
Biblioteca di Cerveteri, via F. Rosati
Giovedì 19 novembre, ore 10.30
Carola Susani legge l’Eneide di Virgilio
Biblioteca di Leonessa, p.za VII Aprile 1944
Lunedì 23 novembre per leggere, ore 10.30
Roberto Carvelli legge Walden di Henry David Thoreau
Biblioteca di Sezze Scalo, via Bari
Martedì 24 novembre, ore 10.30
Rino Bianchi legge Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa
Biblioteca comunale Segni, via della Pretura, 1
Sabato 28 novembre, ore 11.00
Giorgio Specioso legge La ragazza dai capelli strani di David Foster Wallace
Biblioteca di Cisterna di Latina, via Zanella, 2
Sabato 28 novembre, ore 10.30
Emiliano Sbaraglia legge Se una notte d’inverno un viaggiatore di Italo Calvino
Biblioteca di Grottaferrata, via M. Moris, 7
Sabato 28 novembre, ore 10.00
Graziano Graziani legge Un certo Lucas e Storie di cronopios e di famas di Julio Cortázar
Biblioteca comunale di Capranica, p.za 7 Luglio
Martedì 1 dicembre, ore 10.30
Maura Gancitano legge Una comunità perduta di Doris Lessing
Biblioteca comunale di Frosinone, c.so della Repubblica, 62
Venerdì 18 dicembre, ore 11.00
Maria Grazia Calandrone legge Alcmane, Paul Celan, Giorgio Caproni
Biblioteca di Albano Laziale, v.le Risorgimento, 5

 

 

Fiere e Festival, Piccoli Maestri

About the author

Monica Bartolini è autrice di romanzi e racconti gialli, declinati in tutte le possibili gradazioni di noir. "Interno 8" (Albatros-Il Filo editore, 2008) è stato il suo primo romanzo edito. Ha collezionato numerosi piazzamenti a concorsi di narrativa gialla, tra cui spiccano "Giallocarta", "Carabinieri in Giallo 3" ("Tanti auguri, maresciallo!" è stato pubblicato sul Giallo Mondadori n. 3009 a luglio del 2010) e "Gran Giallo a Castelbrando". Con il racconto "Cumino assassino" ha vinto il Gran Giallo Città di Cattolica, nell'ambito della XXXVII edizione del MystFest. Nel giugno 2010 ha anche pubblicato con Colosseo Editore un libro di narrativa dal titolo "Ti ricordi, amore mio?", quindici racconti sul tema del ricordo, concepiti come preziose didascalie a foto scattata dalla stessa autrice. Il numero 3019 dei Gialli Mondadori del 2/12/2010 contiene al suo interno il racconto vincitore a Cattolica "Cumino assassino", giudicato dalla Giuria "il miglior racconto giallo di ambientazione italiana dell'anno". Nel 2011 con il racconto "Al comma 4 dell'art. 612-bis" ha guadagnato la seconda posizione nella finale per la II edizione del Gran Giallo a Castelbrando. E' stata finalista al Premio Tedeschi 2011 con il romanzo "Le geometrie dell'animo omicida", pubblicato nel 2013 da Scrittura & Scritture. E' membro dell'Associazione Piccoli Maestri, una scuola di lettura per i ragazzi.
No Responses to “#più Libri più Storie: le investigazioni del Commissario Habib a Cerveteri”

Leave a Reply