Le recensioni della Rossa per Thriller Café: Un fratello per cui morire di Roslund e Thunberg

dic 16, 2020 No Comments by

copertinaCari Amici della Rossa e della buona letteratura gialla,

la recensione che da oggi appare su Thriller Café riguarda un thriller molto intrigante degli autori svedesi Anders RoslundStefan Thunberg, giornalista investigativo, il primo, grande sceneggiatore cinematografico, il secondo.

Un fratello per cui morire è la storia intrecciata di due coppie di fratelli molto singolari: un galeotto e un poliziotto, un galeotto e un ex galeotto.

I quattro personaggi saranno i perni sui quali si svolge l’azione che riguarda la preparazione di una rapina fantasmagorica, compiuta all’interno del caveu della Polizia di Stoccolma di un ingente quantitativo di banconote, prove di reato ai danni di uno dei due rapinatori, e estinate al macero.

Bello, rocambolesco, intenso e cinematografico (i diritti sono già stati acquistati da Netflix).

Ma cosa rende così particolare questo thriller?

E’ indubbio che un romanzo vada valutato sia per come è scritto sia per cosa propone: la poetica e la tematica dell’autore, direbbero quelli bravi. Ebbene, quando ho iniziato a leggere questo romanzo mi sono lasciata trasportare solo dalla scrittura e da come sapeva essere intrigante, creare suspance, maneggiare con cura i flashback e delineare con mano sicura i personaggi. Che trattasse della storia di un rapinatore di banche svedese e della sua problematica famiglia era interessante ma molto meno dello stile. Fino al giorno che ho riaperto il pdf e l’occhio mi è caduto sul sottotitolo “Made in Sweden 2″. Un sequel? Accidenti a me che non avevo letto il primo! Così ho interrotto la lettura e ho iniziato la ricerca.

Di colpo il Cosa è diventato spaventosamente importante!

index

Carl, Stefan, Lennart e Johan Alin Sumonja

mac14_bankrobbers_post_b

Un’immagine tratta dal fascicolo processuale

Uno dei due autori, Stefan Thunberg, è uno dei fratelli dei famigerati Sumonja brothers che negli anni 90 misero a segno 10 colpi geniali ai danni di banche e portavalori in Svezia. Bottini favolosi e colpi rocamboleschi degni di 007!

Da quel momento ciò che leggevo ha preso corpo e in ogni frase e in ogni descrizione dei sentimenti dei protagonisti, ho intravvisto il travaglio emotivo dello scrittore nel mettere a nudo completamente i dolori che hanno attraversato la sua famiglia.

In un’intervista di qualche anno fa pubblicata da The Guardian, Stefan Thunberg ha dichiarato che, pur non essendo mai stato coinvolto nella vita criminosa della sua famiglia, gli sono occorsi due anni di terapia e tanto coraggio per mettere per iscritto il suo mondo familiare. Temeva inoltre che, pur avendo cambiato i nomi dei protagonisti, i fatti fossero stati talmente eclatanti da mettere in pericolo la nuova vita dei suoi familiari. Invece ricevette una telefonata sorprendente proprio dal fratello Carl, quello che più degli altri ha scontato anni di prigione: non solo aveva apprezzato il libro in sé ma plaudiva all’iniziativa del fratello.

Da questo punto di vista, i due romanzi-verità della serie Made in Sweden risultano oltremodo toccanti.

Buona lettura (sempre!) a tutti!

autori

Anders Roslund e Stefan Thunberg

 

Recensioni, Uncategorized

About the author

Monica Bartolini è autrice di romanzi e racconti gialli, declinati in tutte le gradazioni di noir. Esordisce nel 2008 con il romanzo Interno 8, primo episodio dedicato al Maresciallo Nunzio Piscopo, che torna protagonista nel romanzo finalista al Premio Tedeschi nel 2011 Le geometrie dell'animo omicida. Con il racconto Cumino assassino ha vinto il Gran Giallo Città di Cattolica, nell'ambito della XXXVII edizione del MystFest, dopo aver collezionato numerosi piazzamenti a concorsi di narrativa gialla, tra cui spiccano "Giallocarta" e "Carabinieri in Giallo 3" con Tanti auguri, maresciallo!, "Gran Giallo a Castelbrando" (seconda classificata con Al comma 4 dell'art. 612-bis), "Crime Story Slam" (finalista con Le abissali frustrazioni di un serial killer) e Premio speciale della Giuria di "Delitto d'autore" con il racconto Secondo grado. Nel giugno 2010 ha anche pubblicato con Colosseo Editore un libro di narrativa dal titolo Ti ricordi, amore mio?, quindici racconti sul tema del ricordo, concepiti come preziose didascalie a foto scattate dalla stessa autrice. Attualmente è in libreria la sua ultima fatica, un libro di racconti gialli storici dal titolo Persistenti tracce di antichi dolori, edito da I Buoni Cugini Editori. Collabora alla diffusione del "morbo giallo" con recensioni per i siti Thriller Café e WLibri e con l'adesione al progetto Piccoli Maestri, andando a leggere i suoi libri preferiti nelle scuole italiane.
No Responses to “Le recensioni della Rossa per Thriller Café: Un fratello per cui morire di Roslund e Thunberg”

Leave a Reply