I 28 gatti neri della prof. Barca

set 14, 2016 No Comments by

il_570xN.272539471

Cari Amici della Rossa e della buona letteratura gialla,

in occasione dell’inizio del nuovo anno scolastico 2016-17, voglio proporvi il resoconto di un incontro effettuato a fine maggio scorso come Piccola Maestra con la classe II B del G. G. Belli di Roma.

In fondo all’articolo troverete il sorprendente racconto scritto da Sofia,  ispirata da Edgar Allan Poe e dal suo racconto Il gatto nero.

Buona lettura e complimenti ancora a Sofia!

Per il secondo anno consecutivo la prof. Simona Barca della Scuola Secondaria “G. G. Belli” di Roma mi ha invitata a leggere alcuni racconti di Edgar Allan Poe ai ragazzi della II B, chiedendomi anche di ripetere l’esperimento tanto ben riuscito in precedenza: alla fine del primo incontro di dicembre, lasciare ai ragazzi il piacevole incarico di comporre un racconto partendo dall’incipit di uno di quelli non proposti loro e a me l’onore di leggerli durante un secondo incontro, assieme naturalmente all’originale di Poe.

L’anno scorso la scelta cadde su La caduta nel Maelstroem, mentre quest’anno ho voluto concedere questo privilegio a Il gatto nero, perché lo consideravo molto stimolante:

 “Per il racconto stranissimo e pure casalingo che mi metto a stendere per iscritto, non

mi aspetto ne chiedo di essere creduto e pure matto non sono e certissimamente non sogno.

Ma domani morirò e oggi vorrei liberarmi l’anima di questo peso…”

Nel momento stesso in cui lo lessi, spuntarono tante manine come funghi: “Il protagonista è in prigione e sta per essere condannato a morte!”. “Macché” ribatté il compagno di banco. “Lui è malato e sa di dover morire!” Un altro, con il viso illuminato da un evidente colpo di genio creativo, si alzò in piedi di scatto: “E se fosse stato avvelenato?” Una ragazzina dal visetto affilato puntualizzò: “Mica è detto che sia un maschio, eh? Potrebbe essere anche una donna!” Dall’ultimo banco si alzarono voci di disapprovazione: “Ma che dici! Dice matto, mica matta!”

Solo il suono della campanella della ricreazione aveva appianato le divergenze e raffreddato gli animi.

Ci eravamo salutati con la promessa di rivederci entro l’anno ed ecco che questa mattina, a distanza di cinque mesi, erano fuori la classe ad aspettarmi, con la curiosità negli occhi e una certa trepidazione nella voce. “Li ha letti?”

Certo che li ho letti, e li ho anche molto amati. Prima però di qualsiasi considerazione mia, ho voluto chiedere loro cosa avessero provato a scrivere un racconto tutto loro sullo spunto fornito da un grandissimo scrittore.

Le loro risposte si sono sovrapposte in un frastuono indicibile ma il senso era uno e uno solo: l’avevano trovato divertentissimo!

Come Piccola Maestra non posso che plaudire all’iniziativa della loro professoressa che ha generato una sinergia perfetta tra lettura e creatività, e unirmi all’applauso scrosciante con cui i genitori presenti hanno accompagnato tutte le letture.

Bravi TUTTI i ragazzi,  brava la Prof  ma un bravissima molto speciale lo merita Sofia: le sue camelie stamane hanno sprigionato nell’aria un pungente (e convincente) aroma di rimorso.

Non mi credete? Giudicate voi stessi…

Buona lettura dalla Rossa!

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Le camelie

 Per il racconto stranissimo e pure casalingo che mi metto a stendere per iscritto, non

mi aspetto ne chiedo di essere creduta e pure matta non sono e certissimamente non

sogno.

Ma domani morirò e oggi vorrei liberarmi l’anima di questo peso…

Ormai ho raggiunto i 75 anni e soffro di una malattia di cui non ho parlato ai miei cari,

sono cosciente della mia morte imminente e voglio lasciare questa lettera con le mie

memorie per confessarvi il delitto per cui non ho ancora pagato il giusto prezzo.

Avevo all’incirca 16 anni quando litigai brutalmente con il mio fratellastro di 13, quel

pomeriggio lui entrò sbraitando nella mia stanza accusandomi non so neanche più di

cosa, cominciò ad aggredirmi ed insultarmi sempre più arrivando sino a dire che non

appartenevo alla sua famiglia e a quella della signora Linda (la donna che mio padre

sposò, dopo la morte di mia madre) a queste parole persi del tutto il controllo e lo colpii

violentemente alla testa con il fermacarte che avevo comprato in vacanza alle Hawaii

due estati prima. Vedendolo cadere mi precipitai allarmata su di lui, lo scossi per le

spalle senza vedere segni di vita sul suo viso e gli misi allora il polso sotto il naso: non

respirava più. Mi resi conto del delitto che avevo commesso, alzai gli occhi dal corpo di

mio fratello e mi vidi nello specchio, due occhi spalancati e le labbra serrate ridotte

quasi ad un taglio sulla faccia fui sul punto di non riconoscermi in quel viso duro e

gelido, distolsi lo sguardo che passò da me al cadavere di mio fratello a terra, steso,

immobile, bianco come un lenzuolo.

Rimasi come una statua per quella che credetti fosse una buona mezz’ora, ipnotizzata a

guardare il sangue che, allargandosi, macchiava il tappeto dove poggiava la testa del

mio fratellastro e mi accorsi che seppellita sotto l’orrore, la paura, la tristezza, c’era

anche una scintilla di piacere per la mia azione e la cosa mi fece rabbrividire.

Mi sentii paralizzare però non appena ricordai che la signora Linda era uscita per delle

compre e quindi sarebbe tornata di lì a poco.

Provai un terrore puro quando pensai al mio delitto, all’omicidio di suo figlio, e al come

spiegarle cosa era successo…

Alla fine feci la scelta peggiore della mia vita: decisi di inventare una rapina da parte di

un ladro introdottosi in casa furtivamente che, quando scoperto, uccise mio fratello e

legò me ad una sedia.

Per rendere realistica la rapina mi infilai dei guanti in lattice, andai in camera di Linda

presi la federa del suo cuscino e ci misi dentro tutti i gioielli che erano sul suo comò.

Salii sulla sua sedia, quella dove Linda si pettinava tutte le sere prima di andare a

dormire, e arrivai a toccare il punto sul soffitto dove c’era la botola che portava al

sottotetto. L’aprii e vi gettai dentro il sacco, ripromettendomi di ritornare a prenderlo

non appena possibile. Quindi tornai in camera mia presi una canottiera leggera due

calzerotti e delle calze in nylon che avevo nel cassetto del comodino. La canottiera me

l’annodai dietro la testa passandola nella bocca per imbavagliarmi; mi legai le caviglie

alle gambe della sedia con i calzerotti da ginnastica e alla fine le mani insieme con le

calze: quest’ultima cosa fu la più complicata perché dovei legarmi le due estremità delle

calze ai polsi, mentre il bustino dovetti farlo passare da dietro lo schienale sulla fronte

mettendolo in tensione e poi, muovendo la testa, lo feci scattare e scivolando sulla

pancia finì per legarmi saldamente alla sedia. Proprio mentre terminavo la mia

complicata operazione la porta di casa si aprì e sentii Linda salire le scale. Doveva

passare davanti camera mia per arrivare alla sua e in quel momento scoppiai a piangere

per lo stress.. Quale fortuna, lacrime al momento giusto!

Quando Linda aprì la porta mi vide piangere a dirotto, ma subito il suo sguardo fu

attratto da ben altro: urlò guardando suo figlio a terra col sangue tutt’intorno alla testa,

si precipitò verso di lui gettando in aria i pacchetti che aveva acquistato, lo alzò lo

baciò lo chiamò più e più volte fino a perdere la voce, solo quando capì che non poteva

fare altro che piangere guardò verso di me… allora di corsa tempestandomi di domande

mi slegò frettolosamente e vedendo che io non ero in grado dal gran piangere di dire

nulla andò a occuparsi di suo figlio. Dopo pochi istanti, stavo sempre piangendo, andai

ad accoccolarmi vicino a lei stringendomi con le braccia le ginocchia. Io piangevo di

terrore per cosa avevo fatto, per le conseguenze che potevo correre, e per come le cose

stavano andando: nessuna domanda nessun dubbio nessuno che puntasse un dito contro

me, tutto troppo fortunato, piangevo per la paura che la fortuna passasse all’improvviso.

Poi seguirono le solite prassi: i poliziotti furono chiamati, venni interrogata un paio di

volte, il funerale, il periodo di lutto, Linda divorziò da mio padre perchè lui non voleva

traslocare… perchè io non volevo traslocare… insomma le solite cose

La polizia non trovò mai il colpevole e, per insufficienza di prove, l’indagine venne

sospesa in tre mesi circa e mai più riaperta.

Il giorno dopo l’omicidio del mio fratellastro, con il salotto e la cucina al piano di sotto

pieno zeppo di parenti in lacrime, detective, vicini e curiosi, in silenzio e con calma

assoluta me ne andai in soffitta, recuperai la refurtiva e la seppellii nel giardino

posteriore, proprio sotto le camelie che mamma, la mia mamma, aveva piantato anni

prima. E io non confessai mai… beh almeno fino ad oggi. Oggi le mie camelie son state

portate via, visto che non ho più le forze per innaffiarle e stavano soffrendo troppo.. dei

fiori così portafortuna è giusto che continuino a portarne a chi ne più bisogno di me.

 

Sofia N.

IIB

 

 

 

Piccoli Maestri

About the author

Monica Bartolini è autrice di romanzi e racconti gialli, declinati in tutte le possibili gradazioni di noir. "Interno 8" (Albatros-Il Filo editore, 2008) è stato il suo primo romanzo edito. Ha collezionato numerosi piazzamenti a concorsi di narrativa gialla, tra cui spiccano "Giallocarta", "Carabinieri in Giallo 3" ("Tanti auguri, maresciallo!" è stato pubblicato sul Giallo Mondadori n. 3009 a luglio del 2010) e "Gran Giallo a Castelbrando". Con il racconto "Cumino assassino" ha vinto il Gran Giallo Città di Cattolica, nell'ambito della XXXVII edizione del MystFest. Nel giugno 2010 ha anche pubblicato con Colosseo Editore un libro di narrativa dal titolo "Ti ricordi, amore mio?", quindici racconti sul tema del ricordo, concepiti come preziose didascalie a foto scattata dalla stessa autrice. Il numero 3019 dei Gialli Mondadori del 2/12/2010 contiene al suo interno il racconto vincitore a Cattolica "Cumino assassino", giudicato dalla Giuria "il miglior racconto giallo di ambientazione italiana dell'anno". Nel 2011 con il racconto "Al comma 4 dell'art. 612-bis" ha guadagnato la seconda posizione nella finale per la II edizione del Gran Giallo a Castelbrando. E' stata finalista al Premio Tedeschi 2011 con il romanzo "Le geometrie dell'animo omicida", pubblicato nel 2013 da Scrittura & Scritture. E' membro dell'Associazione Piccoli Maestri, una scuola di lettura per i ragazzi.
No Responses to “I 28 gatti neri della prof. Barca”

Leave a Reply