Le recensioni della Rossa per Thriller Café: BOSCHI & BOSSOLI di Michael Gregorio

ago 22, 2012 No Comments by

Donatella Pignatti, la dottoressa Pignatti, come la chiamavano i più intimi imprecò con rabbia. “Me lo hanno detto che è uno stronzo pieno di sé”. Se non ci fosse stato l’altro impiegato che era venuto a farle firmare le delibere, ma solo il suo fedele segretario Paolo Gualducci, le sarebbe scappata anche una bella sequenza di parolacce. In diversi l’avevano sentita usare espressioni colorite. Tutto da attribuire non all’arroganza o alla cafonaggine, ma alle palle che lei aveva e che erano diventate leggendarie nel Palazzo Reale come lo chiamavano togliendo la GION a Regionale” (pag. 81)

SOTTOLINEATO perché…. un segretario uomo, vessato da un capo donna, umorale e piena di sé, in tempo di quote rosa e mancata parità, è veramente una goduria fantapolitica!

“Poco più dietro c’era il corpo principale del casale. Una fila di tre finestre sopra, due sotto. Tutte buie. Niente porta. Quello doveva essere il retro della casa.” (pag. 133)

CASSATO perché … i periodi “telegrafati” non mi piacciono e non rendono giustizia al mistero. L’attenzione del lettore si acuisce se resta impigliata tra la punteggiatura e l’attesa è più viva tanto più resta sospesa. Una sequenza troppo vicina di punti, invece, spezza il filo dell’emozione.

******************************************************

Cari amici della Rossa e della buona letteratura gialla,

mai copertina fu più esaustiva del contenuto di un libro!

Oggi vi presento la recensione dell’Operazione Boschi & Bossoli, ambientata in una tranquilla cittadina dell’Italia centrale, simile alla Spoleto dove vivono da anni i coniugi Michael Jacob e Daniela De Gregorio, che con lo pseudonimo di Michael Gregorio firmano degli appassionantissimi libri gialli storici ambientati nella Prussia di fine ’700.

A prestissimo con altre recensioni!

Recensioni

About the author

Monica Bartolini è autrice di romanzi e racconti gialli, declinati in tutte le gradazioni di noir. Esordisce nel 2008 con il romanzo Interno 8, primo episodio dedicato al Maresciallo Nunzio Piscopo, che torna protagonista nel romanzo finalista al Premio Tedeschi nel 2011 Le geometrie dell'animo omicida. Con il racconto Cumino assassino ha vinto il Gran Giallo Città di Cattolica, nell'ambito della XXXVII edizione del MystFest, dopo aver collezionato numerosi piazzamenti a concorsi di narrativa gialla, tra cui spiccano "Giallocarta" e "Carabinieri in Giallo 3" con Tanti auguri, maresciallo!, "Gran Giallo a Castelbrando" (seconda classificata con Al comma 4 dell'art. 612-bis), "Crime Story Slam" (finalista con Le abissali frustrazioni di un serial killer) e Premio speciale della Giuria di "Delitto d'autore" con il racconto Secondo grado. Nel giugno 2010 ha anche pubblicato con Colosseo Editore un libro di narrativa dal titolo Ti ricordi, amore mio?, quindici racconti sul tema del ricordo, concepiti come preziose didascalie a foto scattate dalla stessa autrice. Attualmente è in libreria la sua ultima fatica, un libro di racconti gialli storici dal titolo Persistenti tracce di antichi dolori, edito da I Buoni Cugini Editori. Collabora alla diffusione del "morbo giallo" con recensioni per i siti Thriller Café e WLibri e con l'adesione al progetto Piccoli Maestri, andando a leggere i suoi libri preferiti nelle scuole italiane.
No Responses to “Le recensioni della Rossa per Thriller Café: BOSCHI & BOSSOLI di Michael Gregorio”

Leave a Reply