Le recensioni della Rossa per Thriller Café: PILGRIM di Terry Hayes

mag 26, 2014 No Comments by

 pilgrimCari amici della Rossa e della buona letteratura gialla,

trovate da oggi su Thriller Café la mia recensione del thriller Pilgrim, scritto dallo sceneggiatore e giornalista australiano Terry Hayes.

Il formato non esattamente da borsetta me l’aveva reso indigesto al primo sguardo e la macchinosità iniziale della trama mi aveva indispettito non poco. Ma la verità era che inconsciamente non accettavo che qualcuno potesse scrivere tanto bene quanto i miei amati double F (Forsyth e Follet) e che l’agente della CIA delineato da Hayes risultasse tanto vivido e plausibile da sbucare dalle pagine del libro e materializzarsi con le sembianze di Ryan Gosling, al quale spero venga assegnata la parte, appena l’Autore avrà venduto i diritti cinematografici. 69aea294-ryan-gosling

Sicuramente il film sarebbe anche di grande impatto visivo, se solo la sceneggiatura rispettasse la trama originaria. L’azione del romanzo infatti inizia nella Grande Mela per arrivare nella baia dell’incantevole Bodrum in Turchia. Le ambientazioni comunque sono davvero tante. Nei flashback della vita di Pilgrim e del Saraceno si spazia dall’Arabia a Berlino, da Mosca a Parigi, dalle montagne dell’Afghanistan a Beirut.

Una trama costellata da tanti colpi di scena e una prosa fluida rendono il libro davvero pregevole. In effetti, non ci sarebbe da stupirsi, perché Terry Hayes è lo sceneggiatore di alcuni film d’azione molto conosciuti, tra cui  Mad Max con Mel Gibson e Cliffhanger con Silvester Stallone. Nel 2001, poi, fu nominato per il Bram Stoker Award per la migliore sceneggiature per il film From Hell (La vera storia di Jack lo Squartatore), interpretato da Johnny Depp.

Nessuna  sorpresa, quindi, che Pilgrim sia un romanzo da non perdere!

Buona lettura (sempre) a tutti dalla Rossa!

madmaxcliffhanger220px-From_Hell_film

Recensioni

About the author

Monica Bartolini è autrice di romanzi e racconti gialli, declinati in tutte le gradazioni di noir. Esordisce nel 2008 con il romanzo Interno 8, primo episodio dedicato al Maresciallo Nunzio Piscopo, che torna protagonista nel romanzo finalista al Premio Tedeschi nel 2011 Le geometrie dell'animo omicida. Con il racconto Cumino assassino ha vinto il Gran Giallo Città di Cattolica, nell'ambito della XXXVII edizione del MystFest, dopo aver collezionato numerosi piazzamenti a concorsi di narrativa gialla, tra cui spiccano "Giallocarta" e "Carabinieri in Giallo 3" con Tanti auguri, maresciallo!, "Gran Giallo a Castelbrando" (seconda classificata con Al comma 4 dell'art. 612-bis), "Crime Story Slam" (finalista con Le abissali frustrazioni di un serial killer) e Premio speciale della Giuria di "Delitto d'autore" con il racconto Secondo grado. Nel giugno 2010 ha anche pubblicato con Colosseo Editore un libro di narrativa dal titolo Ti ricordi, amore mio?, quindici racconti sul tema del ricordo, concepiti come preziose didascalie a foto scattate dalla stessa autrice. Attualmente è in libreria la sua ultima fatica, un libro di racconti gialli storici dal titolo Persistenti tracce di antichi dolori, edito da I Buoni Cugini Editori. Collabora alla diffusione del "morbo giallo" con recensioni per i siti Thriller Café e WLibri e con l'adesione al progetto Piccoli Maestri, andando a leggere i suoi libri preferiti nelle scuole italiane.
No Responses to “Le recensioni della Rossa per Thriller Café: PILGRIM di Terry Hayes”

Leave a Reply