Le recensioni della Rossa per Thriller Café: LA TERAPEUTA di Helene Flood

ago 27, 2020 No Comments by

9788804722151_0_221_0_75Cari Amici della Rossa e della buona letteratura gialla,

in questo anno pandemico nel quale mi sono astenuta dal viaggiare, la sincronicità con la Scandinavia si è attivata talmente forte che mi è arrivato in sorte da recensire La Terapeuta, il thriller d’esordio della norvegese Helene Flood.

All’inizio, devo ammetterlo, questo romanzo mi ha spiazzata, perché venivo dalle quasi 600 pagine di azione pura di Clean di Glen Cooper e ho dovuto “rallentare” per adeguarmi al ritmo lento e costante della Flood. Ma ne è valsa la pena, perché l’Autrice – che nella vita è davvero una psicologa -  ha saputo infondere nella spaesata protagonista tutto il bagaglio di pensieri ossessivi che travolgono un individuo in shock post-traumatico.

Alla povera Sara, la terapeuta protagonista del romanzo, infatti, scompare nel nulla il marito Sigurd e la Polizia sembra non voler considerare questa scomparsa altro che un fatto volontario. Avrà fatto un viaggio all’improvviso? Si sarà allontanato per lavoro? Può avere mentito e i suoi amici avergli retto il gioco?

Per l’ispettore Gundersen risulta addirittura sospetto l’atteggiamento di Sara, a partire dalla particolare apatia mostrata all’arrivo della Polizia,  per finire con la cancellazione di un messaggio di Sigurd in segreteria telefonica, rivelatosi essere l’ultimo contatto con la moglie.flood-nmpad1sir-3lnhyjn4p5dw

Paura, diffidenza, incredulità, sconforto, rabbia, dolore, smarrimento, malinconia, sgomento… L’Autrice fa sì che i pensieri di Sara permeino la totalità del thriller, seguendone il filo logico fino allo sconvolgente finale.

Lei e solo lei può arrivare alla verità e solo per la sua sensibilità sarà devastante. Gundersen la sfiorerà soltanto, come me d’altronde!

Helene Flood è stata dannatamente brava e le auguro una carriera folgorante!

Non mi resta che augurarvi “buona lettura”!

Recensioni

About the author

Monica Bartolini è autrice di romanzi e racconti gialli, declinati in tutte le gradazioni di noir. Esordisce nel 2008 con il romanzo Interno 8, primo episodio dedicato al Maresciallo Nunzio Piscopo, che torna protagonista nel romanzo finalista al Premio Tedeschi nel 2011 Le geometrie dell'animo omicida. Con il racconto Cumino assassino ha vinto il Gran Giallo Città di Cattolica, nell'ambito della XXXVII edizione del MystFest, dopo aver collezionato numerosi piazzamenti a concorsi di narrativa gialla, tra cui spiccano "Giallocarta" e "Carabinieri in Giallo 3" con Tanti auguri, maresciallo!, "Gran Giallo a Castelbrando" (seconda classificata con Al comma 4 dell'art. 612-bis), "Crime Story Slam" (finalista con Le abissali frustrazioni di un serial killer) e Premio speciale della Giuria di "Delitto d'autore" con il racconto Secondo grado. Nel giugno 2010 ha anche pubblicato con Colosseo Editore un libro di narrativa dal titolo Ti ricordi, amore mio?, quindici racconti sul tema del ricordo, concepiti come preziose didascalie a foto scattate dalla stessa autrice. Attualmente è in libreria la sua ultima fatica, un libro di racconti gialli storici dal titolo Persistenti tracce di antichi dolori, edito da I Buoni Cugini Editori. Collabora alla diffusione del "morbo giallo" con recensioni per i siti Thriller Café e WLibri e con l'adesione al progetto Piccoli Maestri, andando a leggere i suoi libri preferiti nelle scuole italiane.
No Responses to “Le recensioni della Rossa per Thriller Café: LA TERAPEUTA di Helene Flood”

Leave a Reply